Contenuto principale

Ufficio affari legislativi e legali

Palazzo del Consiglio provinciale,
Piazza Silvius Magnago 6
0471 946211
legislativo@consiglio-bz.org

Art. 7

  1. L'Ufficio affari legislativi e legali
    1. presta la consulenza giuridico-legislativa agli uffici del Consiglio, agli organi consiliari nonché ai consiglieri/alle consigliere;
    2. esamina i disegni di legge sotto il profilo giuridico, ivi compresa la loro conformità alla normativa CEE, e formula eventuali osservazioni in merito;
    3. assicura il servizio di segreteria per le diverse commissioni di emanazione consiliare, comprese quelle interregionali, ed eventuali loro articolazioni provvedendo all'istruttoria delle relative pratiche, alla resocontazione ed alla redazione dei relativi verbali;
    4. provvede, in collaborazione con l'Ufficio traduzioni, agli adempimenti finalizzati ad una corretta formulazione linguistica dei disegni di legge nei testi italiano e tedesco;
    5. cura e coordina la programmazione dei lavori delle commissioni legislative nel rispetto dei termini previsti dal Regolamento interno del Consiglio o fissati, nei casi previsti, dal/dalla Presidente del Consiglio;
    6. fornisce ai/alle Presidenti degli organi di cui alla lettera c) l'assistenza tecnico-giuridica per la predisposizione degli atti di convocazione e della eventuale relazione scritta sui lavori nonché per tutti gli altri adempimenti procedurali relativi al regolare funzionamento degli organi stessi;
    7. mantiene, a livello tecnico, i collegamenti con i servizi legali e legislativi degli organi legislativi ed esecutivi dello Stato, delle Regioni e Province autonome nonché con l'Osservatorio legislativo interregionale;
    8. cura gli adempimenti relativi al contenzioso costituzionale;
    9. cura, per i disegni di legge di iniziativa popolare e consiliare, la stesura delle note esplicative agli stessi nonché, per quelli di iniziativa della Giunta Provinciale, l'eventuale aggiornamento delle note stesse, predisposte dalla Giunta Provinciale, per effetto delle modifiche apportate al disegno di legge nella commissione legislativa e/o in aula;
    10. provvede alla raccolta, catalogazione, diffusione e conservazione della documentazione giuridica ritenuta di interesse per il Consiglio provinciale in generale e per la trattazione dei disegni di legge in particolare;
    11. cura la difesa giurisdizionale del Consiglio e dei suoi organi tenendo i necessari collegamenti con gli eventuali legali esterni incaricati;
    12. cura il servizio di biblioteca nonché il servizio di documentazione automatizzata;
    13. garantisce la collaborazione ed assistenza tecnica al Segretario/alla Segretaria Generale nelle sedute del Consiglio provinciale e nella stesura definitiva degli atti approvati dal Consiglio.
  2. L’ufficio affari legislativi e legali del Consiglio provinciale cura il servizio studi, che ha i seguenti compiti:
    1. svolge funzioni consultive per il Presidente del Consiglio e i componenti dell’Ufficio di Presidenza per/in viaggi istituzionali;
    2. svolge funzioni consultive per il Presidente del Consiglio e i componenti dell’ufficio di presidenza per/in riunioni a Roma riguardo a questioni legali nell’ambito delle riunioni del Consiglio provinciale e di altri organi collegiali istituzionali (p. es. seduta congiunta dei Consigli provinciali di Trento, Bolzano e del Land Tirolo o CALRE);
    3. svolge funzioni consultive per i consiglieri nella stesura di documenti nell’ambito della loro funzione che comportano o potrebbero comportare una efficacia politico/giuridica (p. es. mozioni, disegni di legge, voti etc.);
    4. controllo della legittimità dei documenti prodotti dai consiglieri;
    5. razionalizza e semplifica la normativa giuridica in collaborazione con l’Organismo di valutazione;
    6. verifica i modelli per il calcolo dei costi standard in collaborazione con l’Organismo di valutazione;
    7. rilascia pareri in ordine a temi sul diritto dell’autonomia e del federalismo;
    8. legistica.

Fonte: "Struttura organizzativa e dirigenziale del Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano" (approvato con delibera del Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano 9 marzo 2017, n. 3)