Contenuto principale

Consiglio

Consiglio | 23.08.2019 | 15:56

Commissione interregionale: stabilito l’ordine del giorno della Seduta congiunta

I rappresentanti dei Consigli provinciali di Bolzano, Trento e Tirolo riuniti nel capoluogo altoatesino per valutare le proposte di mozione per il Dreier Landtag del 16 ottobre: 18 quelle ammesse, riguardanti trasporto, promozione dell’Euregio, gestione dei rischi naturali e tanti altri temi di interesse comune.

Ammesse 18 mozioni: la seduta della Commissione interregionale.ZoomansichtAmmesse 18 mozioni: la seduta della Commissione interregionale.

Sono 18 le proposte di mozione che la Commissione interregionale, riunita oggi a Bolzano sotto la guida del presidente del Consiglio provinciale altoatesino Josef Noggler, ha deciso di  ammettere all’ordine del giorno della Seduta congiunta dei Consigli provinciali di Bolzano, Trento e Tirolo che si svolgerà il prossimo 16 ottobre a Merano. Esse riguardano temi nell’ambito dei quali le tre assemblee vogliono prendere decisioni comuni, per agire in maniera efficace e vantaggiosa per la cittadinanza dell’intera Euregio.

L’assemblea composta dai 7 rappresentanti di ciascun Consiglio provinciale ha stabilito di suddividere le proposte in blocchi tematici, primo dei quali sarà quello dedicato proprio all’Euregio, con tre mozioni presentate dai tre presidenti dei Consigli e sostenute da ampie maggioranze. La prima, avanzata dal presidente Noggler, mira a una strategia comune per il corridoio del Brennero; la seconda, presentata dal presidente del Consiglio provinciale di Trento Walter Kaswalder, prevede eventi comuni di promozione di prodotti e usanze tipici dell’Euregio; la terza, proposta dalla presidente della Dieta tirolese Sonja Ledl-Rossman, riguarda la gestione transfrontaliera dei rischi naturali. Per approfondire quest’ultimo tema, Ledl Rossmann ha invitato i colleghi a una conferenza di esperti in programma il 17 settembre a Innsbruck.

Le altre mozioni saranno inserite nelle categorie: “Formazione, famiglia, giovani e lavoro”, “Sanità e assistenza”. “Ricerca”, “Sport e cultura”, “Ambiente e traffico”. Si tratta, tra le altre, di proposte riguardanti il riconoscimento di titoli universitari e una rete di collegamento tra scuole superiori e imprese, la cooperazione transfrontaliera tra le strutture sanitarie e le organizzazioni di soccorso, il coordinamento di progetti di ricerca, un’unica classificazione alberghiera, gemellaggi tra comuni, simboli commemorativi per il 75o anniversario della liberazione dal fascismo e dal nazismo, un’Euregio raggiungibile senz’auto, interventi di gestione del lupo e il rafforzamento dell’agricoltura di montagna. Non ammessa una proposta dal Trentino che prevedeva l’eliminazione del divieto di transito notturno in Austria: la maggioranza dei consiglieri ha condiviso la posizione tirolese che si trattasse di un’indebita prescrizione a un singolo territorio dell’Euregio.

L’assemblea ha quindi discusso di questioni procedurali, decidendo che oltre alla relazione del presidente uscente del GECT Arno Kompatscher sarà lasciato spazio, a inizio seduta, anche a quella programmatica del presidente entrante Günther Plattner. 


(MC)