Contenuto principale

Consiglio

Consiglio | 03.06.2020 | 12:22

4a commissione: dibattito sul coronavirus e disegno di legge su invalidi civili

La commissione guidata da Ladurner ha raccolto dall’ass. Deeg e dall’ass. Widmann informazioni sulla situazione attuale; respinto disegno di legge del Team K.

Riunita sotto la presidenza di Jasmin Ladurner, la 4a commissione legislativa ha affrontato oggi un dibattito sul coronavirus: l’ass. Waltraud Deeg e l’ass. Thomas Widmann si sono messi a disposizione dei componenti dell’organo per confronti e risposte, esponendo le prime conclusioni sulla situazione attuale e offrendo, per quanto possibile, uno sguardo sugli ulteriori preparativi alle fasi 2 e 3, così come a un’eventuale seconda ondata.

Sono state poi discusse le proposte di audizione avanzate dal Gruppo Verde: una riguarda il sistema sanitario in Alto Adige, l’altra un invito alla dott.ssa Monika Hauser per affrontare il tema della violenza sulle donne. Come spiega la presidente Ladurner, le date di questi incontri sono ancora da concordare, ma si intende anticipare a settembre l’audizione della dott.ssa Häuser, originariamente proposta in occasione del 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, anche per affrontare il tema della violenza domestica durante il periodo di lockdown.

Infine, la commissione ha proseguito la trattazione del disegno di legge provinciale n. 48/20 "Modifiche alla legge provinciale 21 agosto 1978, n. 46, "Provvedimenti concernenti gli invalidi civili, i ciechi civili e i sordi” (conss. Alex Ploner, Paul Köllensperger, Peter Faistnauer, Franz Ploner, Maria Elisabeth Rieder e Josef Unterholzner), respingendo il passaggio alla discussione articolata con 3 voti favorevoli (conss. Franz Ploner, Diego Nicolini e Brigitte Foppa) e 4 voti contrari (pres. Ladurner e conss. Franz Locher, Helmuth Renzler e Manfred Vallazza). Come riferisce Ladurner, la maggioranza, pur appoggiando l’intento della proposta, l’ha ritenuta non sufficientemente matura: “La SVP lavora da tempo all’elaborazione di un proprio disegno di legge, e a questo scopo incontrerà proprio domani le rappresentanze delle organizzazioni degli invalidi civili”.

(MC)