Contenuto principale

Consiglio

Consiglio | 04.09.2019 | 10:01

4° Consiglio provinciale dei bambini: ecco i temi

Scelti da consiglieri e consigliere provinciali, permetteranno a bambine e bambini di confrontarsi, nell’evento organizzato dalla Katholische Jungschar Südtirols insieme al Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano, su temi effettivamente all’ordine del giorno. Singoli, classi e gruppi possono iscriversi all’iniziativa in programma dal 19 al 22 novembre prossimi tramite il link bit.ly/iscrizionecpbambini o la webpage www.jungschar.it/kinderlandtag.

Il Consiglio provinciale dei bambini torna dal 19 al 22 novembre.ZoomansichtIl Consiglio provinciale dei bambini torna dal 19 al 22 novembre.

La convivenza tra culture in Alto Adige, profughi, migrazione e pari opportunità, la gestione dei rifiuti e la tutela ambientale, vaccinazioni, tutela della salute e anzianità, la mobilità oggi e nel futuro e il tragitto sicuro casa-scuola, la conoscenza digitale, lo sport e il movimento a scuola, l’apprendimento delle lingue dentro e fuori l’ambiente scolastico e la libertà religiosa e, ancora, la bicicletta, le escursioni e il sistema di trasporto pubblico: sono questi i temi su cui lavoreranno i giovanissimi che dal 19 al 22 novembre parteciperanno al 4° Consiglio provinciale dei bambini. “Gli argomenti”, spiega il presidente del Consiglio provinciale Josef Noggler, “sono stati scelti da consigliere, consiglieri e gruppi consiliari in modo che i giovani e le giovani partecipanti si confrontino su temi che verranno trattati in aula: le proposte che emergeranno saranno quindi effettivamente oggetto di discussione”.

Nel 30o anniversario della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia, l’iniziativa di Katholische Jungschar Südtirols e Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano, organizzata con il sostegno dell’Assessorato all’istruzione e formazione tedesca, delle Intendenze tedesca, italiana e ladina e del Südtiroler Jugendring, si propone di dare spazio e voce alle proposte di bambini e bambine dai 10 ai 14 anni. Durante i 4 giorni di incontri nelle diverse sale della sede consiliare, essi potranno partecipare a una o più delle 6 conferenze dedicate ciascuna a uno dei diritti dell’infanzia tutelati dalla Convenzione ONU, vale a dire non discriminazione, sopravvivenza e sviluppo, salute e assistenza medica, livello di vita sufficiente allo sviluppo, istruzione, tutela delle minoranze, tempo libero, gioco e cultura.  Il significato di ognuno di questi diritti è spiegato in brevi video disponibili al link bit.ly/kinderlandtagvideo​. “Discutendo su questi temi”, illustra la presidente della Katholische Jungschar Südtirols Julia Leimstädtner, “bambini e bambine sperimenteranno le regole del confronto democratico. Le varie proposte – non solo quelle condivise, ma anche quelle minoritarie - saranno poi presentate, l’ultimo giorno di incontri, a consiglieri e consigliere provinciali”.  Quest’ultimi potranno anche seguire i lavori delle conferenze e confrontarsi direttamente coi ragazzi.

Il diritto su cui lavorare dovrà essere scelto dai partecipanti e dalle partecipanti al momento dell’iscrizione. Aperta a singoli, gruppi o classi scolastiche, questa si può già effettuare attraverso il link diretto bit.ly/iscrizionecpbambini o la webpage www.jungschar.it/kinderlandtag. Ulteriori informazioni sono disponibili, oltre che alla pagina web citata, anche al nr. 340.1065435 e alla mail kinderlandtag@jungschar.it.

 

 


(MC)