Contenuto principale

Consiglio

Consiglio | 15.03.2021 | 12:05

Striscioni a lutto e candele accese

Per tutta la settimana, il Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano esporrà due striscioni a lutto, a ricordo oltre mille vittime altoatesine della pandemia da coronavirus. Giovedì 18, davanti alla sede consiliare, saranno accese delle candele. Il pres. Noggler: “Ora è il momento di ricordare chi non ce l’ha fatta, stringendosi alle famiglie in lutto”.

Il palazzo del Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano listato a lutto. Foto: Consiglio/WerthZoomansichtIl palazzo del Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano listato a lutto. Foto: Consiglio/Werth

Da oggi e per tutta la settimana, due striscioni neri a lutto sono appesi sulla facciata del Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano: ricordano le oltre mille vittime altoatesine del Covid all’approssimarsi del 18 marzo, la Giornata nazionale in memoria delle vittime dell’epidemia da coronavirus.

“Il Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano”, sottolinea il presidente Josef Noggler, “è intervenuto più volte, quest’anno, nell’ambito di sedute ordinarie e straordinarie, per ovviare con provvedimenti legislativi alle difficoltà della popolazione davanti alle restrizioni anticontagio. Le leggi però non impediscono gli effetti letali del virus, laddove questo riesce a introdursi: ora è il momento di fermarsi e ricordare chi non ce l’ha fatta, tutte le donne e gli uomini, anziani e giovani, che ci hanno lasciati in questi 12 mesi a causa di una pandemia i cui danni possono solo essere contenuti, non annullati. Vogliamo stringerci a tutte le famiglie che hanno perso una persona cara”.

Nella Giornata ufficiale del ricordo delle vittime, giovedì 18 marzo, il Parlamento provinciale ne onorerà la memoria accendendo, all’imbrunire, delle candele davanti alla propria sede: tutti i cittadini e le cittadine sono invitati a porre, allo stesso scopo, una candela accesa sul proprio davanzale.

L’iniziativa del Consiglio provinciale rientra nell’ambito della commemorazione promossa insieme a Provincia, Diocesi di Bolzano-Bressanone, Associazione delle residenze per anziani dell’Alto Adige, Seniorenbund, Caritas, Südtiroler Jugendring all’insegna del motto “Fermarsi.Ricordare.Rialzarsi – Commemorare insieme le vittime della pandemia”. In questo modo si intende offrire un momento di riflessione condivisa, unita a un raggio di speranza per il futuro.  


(MC)