Contenuto principale

Consiglio

Consiglio | 13.01.2021 | 11:13

Lavori Consiglio: Interrogazioni su temi d’attualità - 3

Le ultime interrogazioni rivolte da consigliere e consiglieri alla Giunta provinciale, riguardanti persone senza fissa dimora, intimidazione a mezzo stampa, consulenze SAD. Approvata la proposta del CdM per la nomina di Mathà a Consigliere di Stato.

Dopo che in primavera circa 100 persone senza fissa dimora erano già stati ospitati in una struttura appositamente costruita presso la Fiera di Bolzano, un progetto di questo tipo è ora previsto anche per l'inverno, secondo quanto riportato dai media: lo ha riferito Alex Ploner (team K), domandando quando sarà pronta questa struttura, quante persone ospiterà e per quali costi, se sono stati presi contatti con la Curia/Diocesi per utilizzare eventuali strutture ecclesiastiche vuote per l'alloggio dei senzatetto, quali contributi pubblici ha ricevuto la diocesi negli ultimi 10 anni per l'ampliamento o la conversione di strutture di proprietà della Curia/Diocesi (ad esempio l'Accademia Cusanus di Bressanone), come intende la Giunta affrontare a lungo termine il problema dei senzatetto, soprattutto nel capoluogo, di concerto con i Comuni. L’ass. Arnold Schuler ha spiegato che alla struttura in Fiera i lavori sono in corso, e si conta di concludere il 18 gennaio. La capienza è di 96 persone, per un investimento a carico dell’amministrazione provinciale di 74.000 € per il riscaldamento, mentre i costi di gestione saranno a carico del Comune di Bolzano. L’ass. Waltraud Deeg ha spiegato che a già da tempo ci si confronta con la Diocesi e altre organizzazioni, compresa l’amministrazione comunale, e promesso una risposta scritta sui contributi. Attualmente 8 persone senza dimora sono stabili a Bolzano e sono state contattate varie volte perché ci sono dei posti liberi, ma non si può obbligare nessuno a usufruire delle strutture, e le citate limitazioni a cui si fa riferimento non sono veritiere: l’unico criterio è fare il test Covid-19. In tutta Italia la competenza è dei Comuni. La Questura comunica lo status delle persone, in base al quale dipende l’accoglienza. Ci sono poi circa 40 persone che salgono sul treno al sera a Milano e arrivano nel capoluogo la sera, e che all’ultimo momento non trovano una sistemazione. Ploner ha chiesto perché non si portano le persone nella struttura esistente a Bressanone (Cusanus), invece che realizzarne una nuova a Bolzano, e criticato che non si fosse pronti per l’inverno: questo sarebbe un fallimento della Giunta. L’ass. Schuler ha chiarito che si tratta di creare una struttura per l’accoglienza quando è freddo, che va creata laddove vivono queste persone: non ha senso trasportarle di notte altrove.

È ripresa quindi la trattazione della interrogazione con cui Alessandro Urzì (L’Alto Adige nel cuore – Fratelli d’Italia), segnalando che il 29 dicembre scorso il quotidiano Dolomiten riportava delle valutazioni attribuite al consigliere provinciale Achammer circa il suo (di Urzì) ruolo politico, evidenziava che nell’articolo si riferisce della volontà dello stesso Achammer, che è anche capo di un partito politico in maggioranza, di “chiarire il ruolo di Urzì”, e che ciò, se confermato, farebbe intendere una intimidazione a mezzo stampa. Il consigliere ha chiesto al presidente del Consiglio provinciale come intendesse farsi parte attiva per chiarire l’intendimento nelle parole di Achammer, “soprattutto nella parte in cui il quotidiano gli attribuirebbe la volontà di sottoporre il sottoscritto ad una incomprensibile verifica politica da parte dell’esecutivo regionale che lederebbe il ruolo e la funzione istituzionale propria del consigliere provinciale fuori da ogni tentativo di condizionamento politico”. Il pres. Josef Noggler ha spiegato che l’articolo riguarda il Consiglio regionale, e che l’ass. Achammer aveva comunicato che la citazione non era corretta e che non c’era nulla che potesse raffigurare una intimidazione.

Nell'aprile 2016 la SAD Trasporto locale SpA ha firmato un contratto di consulenza con l’ex presidente della Provincia Luis Durnwalder e Ingulf Leuschel, che da allora sono stati consulenti del Consiglio di amministrazione e dell'intera SAD: lo ha segnalato Peter Faistnauer (Team K), domandando qual è stato l'importo totale pagato a ciascuno dei due consulenti, se tali somme, analogamente ai compensi del consiglio di amministrazione, sono rimborsate dalla mano pubblica e in che misura, se nei resoconti annuali presentati dalla SAD e nelle richieste di rimborso spese, tali voci di consulenza si trovano nelle cosiddette "spese a piè di lista" o sono invece incluse nei costi standard come spese generali dell'azienda, e infine in che misura questi costi sono distribuiti tra autobus, treno, funivia e SII. L'ass. Daniel Alfreider ha chiarito che si trattava di una società privata che operava tramite concessione, e che aveva comunicato che le somme per gli incarichi di consulenza non potevano essere fornite per motivi di privacy. Le indennità al CdA e ai consulenti sono voci diverse, che rientrano però nel principio dei costi standard, e quindi non liquidati come spese a piè di lista.

Concluso lo spazio dedicato alle interrogazioni su temi d’attualità, si è passati alla proposta di deliberazione: Assenso alla proposta della Presidenza del Consiglio dei Ministri di nomina del dott. Thomas Mathà a Consigliere di Stato, ai sensi dell’articolo 14 del D.P.R. 6 aprile 1984, n. 426, in sostituzione del Consigliere di Stato dott. Oswald Leitner.
In merito, Alessandro Urzì (L’Alto Adige nel cuore - Fratelli d’Italia) ha dichiarato il suo imbarazzo per l’espressione di un parere politico, quello del Consiglio provinciale, sulla nomina di un giudice, che poi avrà potere giudicante anche sull’attività del Consiglio stesso. Questa interferenza tra poteri non va considerata normale, indipendentemente dal nome del candidato. Diego Nicolini (Movimento 5 Stelle) ha sostenuto la proposta del Governo, condivisa, su “un nome di assoluta professionalità”.
La delibera è stata approvata con 22 sì e 13 astensioni.

La seduta continua con l'esame delle proposte delle opposizioni.

(MC)