Contenuto principale

Consiglio

Consiglio | 13.10.2020 | 15:01

4a commissione: facilitazioni per invalidi civili

Secondo il disegno di legge esaminato, per il calcolo della pensione di invalidità civile dovrà essere considerata, in futuro, la situazione di reddito del momento della persona richiedente. La votazione finale sul disegno di legge arriverà dopo il parere finanziario della Giunta.

La 4a commissione legislativa del Consiglio provinciale ha esaminato oggi il disegno di legge provinciale 61/20, Modifiche alla legge provinciale 21 agosto 1978, n. 46, "Provvedimenti concernenti gli invalidi civili, i ciechi civili e i sordi" (conss. Helmuth Renzler, Jasmin Ladurner, Manfred Vallazza e Franz Locher), rinviando la votazione in merito, alla fine dell’esame articolato, al ricevimento del necessario parere sulla copertura finanziaria da parte dell’assessore competente. L’organo ha anche approvato senza voti contrari tre emendamenti presentati dal primo firmatario insieme all’ass. Waltraud Deeg, contenenti adeguamenti tecnici e finanziari.

“La novità positiva introdotta da questo disegno di legge”, spiega Helmuth Renzler, che ha presieduto la seduta odierna, “consiste nel fatto che per la determinazione della prestazione finanziaria per le persone con un'invalidità civile riconosciuta viene considerato, tramite dichiarazione sostitutiva, il reddito presunto riferito all'anno di erogazione. In questo modo, è possibile ricevere la prestazione nel periodo esatto in cui se ne ha bisogno. Inoltre, dal calcolo del reddito saranno escluse le entrate soggette a tassazione separata, quali trattamento di fine rapporto, pagamenti arretrati o entrate da fondo pensionistico integrativo: in base alla regolamentazione finora in vigore, infatti, il trattamento di fine rapporto faceva spesso superare la soglia di reddito, il che costringeva gli interessati ad attendere fino a due anni prima di ricevere la pensione di invalidità civile. Abbiamo anche stabilito che le dichiarazioni dei redditi potranno essere presentate fino al 30 settembre, che corrisponde al termine statale previsto per la consegna di questo documento”.

La votazione finale sul disegno di legge è prevista nella prossima seduta della commissione, il 21 ottobre, in modo da poter inserire la proposta all’ordine del giorno della sessione di lavori di Consiglio di fine novembre.

(MC)