Contenuto principale

Consiglio

Consiglio | 30.06.2020 | 16:50

Lavori Consiglio: Interrogazione su temi d’attualità - 3

Poste da consigliere e consiglieri alla Giunta provinciale, riguardavano l’attività sportiva scolastica, i test sierologici SARS-COV-2, Eurac research, i mondiali di biathlon. La discussione delle interrogazioni è terminata.

18.000 alunni partecipano annualmente a 90 manifestazioni sportive, ma l’intendenza scolastica tedesca ha già comunicato che l'anno prossimo ci sarà una pausa di riflessione e un nuovo orientamento in quanto all’attivitá sportiva scolastica: l'ha segnalato Alex Ploner (Team ) chiedendone ragione alla Giunta, nonché informazione su come verranno utilizzati i fondi disponibili e se questo riguarda solo la scuola tedesca. Il vicepres. Giuliano Vettorato ha spiegato che le tre Intendenze hanno come obiettivo di collaborare allineandosi su tutte le attività: in quanto allo sport, dal Ministero della Pubblica istruzione non sono ancora arrivate indicazioni precise, ma è in corso una conferenza Stato- Regioni che dovrà dare le linee guida. C’è però  la volontà di fare educazione fisica, in tutte e tre le scuole, e i fondi saranno usati a questo scopo. L’ass. Daniel Alfreider ha ribadito la collaborazione tra le tre Intendenze, e la consapevolezza dell’importanza di questa attivitá nella scuola. Si sta discutendo anche la suddivisione degli spazi in quest’ottica. A. Ploner ha invitato a chiarire anche la situazione dlel’attivitá sportiva a scuola, quali per esempio le gare, oltre a quella delle ore di educazione fisica. L’ass. Alfreider ha chiarito che allo stato attuale l’attività sportiva non sarà sospesa, ma non si conoscono ancora le regole sulla base delle quali essa si svolgerà. 

Franz Ploner (Team K) ha quindi chiesto informazioni sul progetto “Test in Alto Adige” relativo ai test sierologici per il SARS-COV-2 nelle strutture ricettive e di ristorazione: egli ha chiesto chi è responsabile di questa azione, se il risultato viene comunicato alle persone testate, come viene pagato il personale e quali qualifiche ha, quanto spende la provincia per questo progetto e qual è il contributo dell'Associazione albergatori. L’ass. Thomas Widmann ha chiarito che il consigliere poneva una serie di domande alle quali egli stesso come testatore, per esempio in Val Gardena, non avrebbe potuto rispondere. Ploner ha dichiarato valido il test effettuato in Val gardena, ma così non è esd esso non garantisce una protezione di gregge. Il test in oggetto è effettuato su base volontaria da infermieri abilitati, i risultati sono trasmessi al dipartimento di prevenzione e alla persona interessata; in caso di test positivo viene valutato lo stato di salute delle persone, a seconda del quale si prendono provvedimenti, isolamento compreso. Il personale per i test viene organizzato dalla Croce bianca e pagato dalla Provincia, ma i costi dei test sono pagati dalle aziende ricettive. F. Ploner ha replicato di non essere stato responsabile per la Val Gardena, ma di aver introdotto lì due metodi di valutazione, ha poi illustrato il funzionamento degli specifici test effettuati, che - ha chiarito - danno dati veritieri, aggiungendo di non aver partecipato alla valutazione lateral flow.

Facendo riferimento al centro di ricerca Eurac Research che al momento comprende 11 istituti di ricerca, uno dei quali è l’istituto per lo studio delle mummie, Sven Knoll (Süd-Tiroler Freiheit) ha chiesto quanti ricercatori con dottorato di ricerca che lavorano presso l’istituto per lo studio delle mummie, collocato presso l’Eurac Research, dispongono di un contratto di lavoro indeterminato, se ricercatori senza dottorato, ma con un contratto di lavoro indeterminato, dispongono delle competenze necessarie (in termini di formazione ed esperienza) per poter svolgere le rispettive mansioni e   per quale motivo i progetti finanziati dal Sud-Tirolo non vengono terminati ossia resi accessibili ai cittadini comuni. Il pres. Arno Kompatscher ha fatto riferimento a 5 persone con contratto di dottorato, più altri due. I dati vengono messi a disposizione dei cittadini solo una volta terminati i progetto.

Brigitte Foppa (Gruppo Verde) ha chiesto infine informazioni sulla presentazione della candidatura di Anterselva per i mondiali di Biathlon, e se è vero, come detto dal pres. Kompatscher in risposta a una precedente interrogazione, che i Comuni possono approvare da soli la manifestazione senza coinvolgimento della provincia. La consigliera ha chiesto anche se si è mai pensato di annullarli a seguito della pandemia. Il pres. Arno Kompatscher ha chiarito che la prima interrogazione riguardava le grandi manifestazioni approvate dalla Giunta, e tra queste non rientravano i mondiali di biathlon. La candidatura era stata fatta pervenire alla federazione internazionale dalla FISI; il Comune è proprietario degli impianti ed unico competente per l’autorizzazione, dato che la manifestazione si svolgeva interamente sul territorio comunale. L’amministrazione comunale è stata coinvolta tramite la commissione competente per la valutazione dell’idoneitá del luogo. Lo stato d’emergenza è stato indetto a fine gennaio ma le limitazioni statali sono state introdotte il 9 marzo, tre settimane dopo la manifestazione. C’era preoccupazione, ma per fortuna ad Anterselva ci sono stati solo pochissimi contagi. In particolare l’ultimo giorno da fuori venivano notizie gravi, ma è stato deciso che non aveva senso fermare tutto: i contatti tra le persone a quel punto c’erano già stati.

Lo spazio dedicato alle interrogazioni d’attualità è terminato.

 

3.     ?

 

 

(MC)