Contenuto principale

Consiglio

Consiglio | 10.06.2020 | 18:09

Lavori Consiglio: Debito fuori bilancio

Avviata la discussione generale del disegno di legge 56/20, inserito all’ordine del giorno in via d’urgenza su richiesta del presidente della Provincia. La seduta di oggi è conclusa.

Il presidente della provincia Arno Kompatscher ha illustrato oggi in Consiglio provinciale il disegno di legge provinciale n. 56/20: Debito fuori bilancio e altre disposizioni (presentato dalla Giunta provinciale su proposta dello stesso Kompatscher), inserito all’ordine del giorno in via d’urgenza, con il quale, ha spiegato, si trattava di garantire formalmente la copertura di spese per le quali i fondi erano giá presenti: gli articoli riguardano tra l’altro l'adeguamento dei compensi previsti per componenti delle commissioni di esperti, una modifica tecnica alla legge provinciale 17/2017, la semplificazione della procedura di varianti al piano urbanistico comunale. Dalla legge viene invece stralciato l’articolo riguardante l’incentivazione alla mobilità ciclistica, ma ciò non vuol dire che non sarà inserita in un'altra norma. L’ass. Massimo Bessone ha aggiunto che con la legge si coprono anche le spese per la ristrutturazione e l’ampliamento del laboratorio per prove geotecniche. 

Rilevando che la legge non deve trasformarsi in una omnibus, Hanspeter Staffler (Gruppo Verde) ha apprezzato che articoli estranei fossero stati stralciati, nonché la soluzione trovata per coprire i costi aggiuntivi per la sicurezza nei cantieri. I debiti fuori bilancio di 2,5 milioni € non rappresentano una somma ingente a fronte di un bilancio da 6,3 mld €: si tratta di miglioramenti e correzioni che sono stati comprensibilmente spiegati.
Josef Unterholzner (Team K) ha apprezzato l’annunciato stralcio dell’articolo sulla mobilitá ciclistica, evidenziando l'importanza di incentivare piuttosto una rete ciclabile ben funzionante.
Contrario alla soppressione di questo articolo si è invece detto Sandro Repetto (Partito Democratico - Liste civiche), che ha chiesto spiegazioni in merito e annunciato una mozione per chiedere di ripristinare l'intervento per l’acquisto di biciclette. Ha chiesto poi perché risultava fuori bilancio il contributo di 280.000 € per l’ORF.
Helmut Tauber (SVP) ha apprezzato la norma e ringraziato per il lavoro la relativa commissione legislativa. Per la mobilità ciclistica bisogna fare tantissimo, e si stanno prendendo iniziative, anche grazie al relativo centro di competenza.
Diego Nicolini (Movimento 5 Stelle) si è stupito dello stralcio dell’articolo sulla mobilità ciclistica, articolo che in commissione era passato a larghissima maggioranza anche perché fortemente richiesto dai cittadini.
Alessandro Urzì (L’Alto Adige nel cuore - Fratelli d’Italia) ha riferito che gli incentivi per bici e monopattini non lo entusiasmavano, tanto più che il Governo aveva lanciato la misura senza avere a disposizione i fondi necessari. Dalla Provincia si aspettava però un approccio diverso: ha chiesto quindi chiarimenti in merito. Egli ha quindi rilevato la particolarità di certe questioni riportate in tabella con cifre corrispondenti minime, chiedendo invece spiegazione dei consistenti fondi per la ORF, già contestati in passato.

La discussione proseguirà domani. La seduta di oggi è conclusa. 

 

(MC)