Contenuto principale

Consiglio

Consiglio | 11.09.2019 | 11:01

Lavori Consiglio: Assestamento di bilancio del Consiglio

Approvato l’assestamento che prevede un avanzo consistente: il pres. Noggler ha chiesto di destinarlo a nuovi spazi per il Consiglio provinciale. Approvato anche il bilancio consolidato della Provincia.

Dopo che l’aula ha approvato la richiesta della presidente della 1a commissione Magdalena Amhof (SVP) di un rinvio in commissione del disegno di legge provinciale n. 9/19: Cooperazione internazionale - Modifica della legge provinciale 19 marzo 1991, n. 5, “Promozione dell’attività di cooperazione e della cultura di pace e di solidarietà” (conss. Dello Sbarba, Foppa e Staffler) e del disegno di legge provinciale n. 12/19: Modifica della legge provinciale 3 dicembre 2018, n. 22, “Democrazia diretta, partecipazione e formazione politica” e della legge provinciale 8 febbraio 2010, n. 4, “Istituzione e disciplina del Consiglio dei Comuni” (cons. Lanz), il primo per 120 e il secondo per 180 giorni, il plenum ha esaminato la proposta di deliberazione: Assestamento del bilancio di previsione del Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano per gli anni finanziari 2019, 2020 e 2021

Presentando il documento, il pres. Josef Noggler ha fatto riferimento al problema di spazi che il Consiglio vive da alcuni anni, segnalato all’ass. Bessone e alla Giunta, sostenendo di avere “l’impressione che questo problema non si voglia o non si possa risolvere a breve termine. Ora abbiamo a disposizione 4,7 milioni, torno a far presente alla Giunta questa problematica: almeno una parte dell’avanzo andrebbe destinata alla soluzione di questo problema”. Il presidente ha fatto riferimento ai lavori di ampliamento dell’attuale sede, che richiederanno 5 anni per essere terminati: “Noi abbiamo però bisogno di una soluzione a breve”.

Sven Knoll (Süd-Tiroler Freiheit) ha segnalato che il problema è di lungo corso, e ricordato alla Giunta che dal 2008 c’è un edificio libero vicino al Consiglio: sarebbe ora di destinarlo al Consiglio e alle istituzioni che vi hanno sede. Non ha senso, infatti, pagare un affitto per altre sedi, trattandosi inoltre di soluzioni temporanee che non risolvono il problema.

Il pres. Arno Kompatscher ha replicato che le spese per il Consiglio provinciale negli ultimi anni sono aumentati, mentre quelli della Giunta sono diminuiti: i fondi sono stati calcolati con generosità. In quanto agli immobili, l’amministrazione provinciale prevede tutta una serie di opere per uffici provinciali, per esempio in via Michael Gamper, o per il trasferimento della motorizzazione, che lascerà locali liberi. C’è anche la proposta di ampliare l’attuale sede consiliare, ma va presentato uno specifico progetto: va detto chiaramente cosa si vuole e va chiarito se la progettazione spetta alla Giunta o al Consiglio. Il pres. Josef Noggler ha annunciato che prossimamente ci si confronterà sulla progettazione già in atto, invitando anche l’assessore competente. L’ass. Massimo Bessone ha annunciato la massima disponibilità, sottolineando però che se ci sono fondi disponibili e c’è un’urgenza da parte di una scuola, preferisce assegnare i fondi a quella, “a seconda delle effettive esigenze e senza valutazioni politiche”. Il documento è stato approvato con 23 sì e 5 astensioni.

È stata poi messa in votazione la proposta di deliberazione Approvazione del bilancio consolidato del gruppo Provincia autonoma di Bolzano per l'anno 2018, approvata senza discussione con 18 sì, 3 no e 7 astensioni dopo che il pres. Arno Kompatscher ha spiegato che le cifre erano state da lui fornite già al momento della presentazione del bilancio.

La seduta prosegue con l’esame delle proposte delle opposizioni.

(MC)