Contenuto principale

Consiglio

Consiglio | 11.09.2019 | 10:35

Lavori Consiglio: Interrogazioni su temi d’attualità - 3

Le ultime interrogazioni discusse riguardavano i premi per i gestori di malghe, i ricongiungimenti, Agenzia delle Entrate. La seduta prosegue con la discussione di altri punti istituzionali.

La seduta di oggi del Consiglio provinciale si è aperta con la trattazione delle ultime interrogazioni su temi d’attualità.

Peter Faistnauer (Team Köllensperger), ha segnalato l’utilizzo di parametri diversi per la connessione del premio per i gestori di malghe, in quanto l’amministrazione forestale richiede una densità di bestiame diversa da quella prevista da norme europee: 0,4 unità contro 0,1. Il consigliere ne ha chiesto ragione alla Giunta. L’ass. Arnold Schuler ha riferito di “una certa logica”: i premi unici si riferiscono a unitá di superficie, sono quindi erogati per ettaro. fIno al 2020 tutti e due i sistemi sono ammissibili, e questo comporta maggior gettito per l’agricoltura e per i gestori di malghe. I premi unici si compongono esclusivamente di fondi europei, ed è meglio mantenere basse le soglie, perché ciò che non viene erogato rimane nel fondo: per questo la Provincia ha pensato allo 0,1 per le unitá di bestiame. Il premio di alpeggio è invece cofinanziato. I premi vengono gestiti in modo da promuovere la densitá di capi sulle malghe per avere un maggior gettito in termini di premio unico,

Lo stesso Peter Faistnauer (TK), segnalando che i segretari comunali svolgono un ruolo centrale nei Comuni, che la formazione dei futuri segretari comunali viene svolta da tanti anni alternando tra il Trentino e l’Alto Adige, che a  ogni corso partecipano ca. 40 – 50 persone che dispongono dei requisiti richiesti e che è probabile che, in seguito ai numerosi pensionamenti, nei prossimi anni in molti comuni della nostra provincia il posto del segretario comunale sarà vacante, ha chiesto in quali comuni ci sono stati concorsi per il posto di segretario comunale negli ultimi 5 anni, quante delle persone che hanno vinto il concorso si sono licenziate ancora durante il periodo di prova, quanti segretari, dopo aver vinto il concorso, si sono licenziati entro un anno dall’assunzione per accettare un posto di lavoro di livello superiore,  chi è responsabile del piano di studio per la formazione e quante volte negli ultimi 20 anni è stato adeguato il programma di studi alle nuove esigenze legate alla figura del segretario comunale. Il consigliere ha chiesto inoltre se siintende prevedere un tutoraggio per i nuovi segretari. Il pres. Arno Kompatscher ha risposto che negli ultimi 5 anni ci sono stati 3 licenziamenti, tra cui l’attuale segretario generale del Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano, Florian Zelger. Un segretario comunale si è licenziato (comune Laion) per un posto di livello superiore. Chi vince un concorso deve restare per due anni, questa è una tutela per i piccoli comuni. Gli adeguamenti del curriculum, modificato l’ultima volta per legge nel 2010 e da allora per decreto, vengono determinati dopo aver sentito il Consiglio dei Comuni. Si intende fornire a pagamento un contributo aggiuntivo alla formazione, la quota di iscrizione sarà restituita a chi effettivamente entra in servizio; è prevista anche l’introduzione del tutor.

Andreas Leiter Reber (Die Freiheitlichen), segnalando un’insoddisfacente risposta a una precedente interrogazione sul tema, ha riproposto alcune domande sui ricongiungimenti famigliari, e precisamente se le persone elencate nella tabella dell’interrogazione 339/19 sono le persone che ogni anno sono venute in Alto Adige attraverso il ricongiungimento familiare, come spiega la Giunta il fatto che i dati sulle persone presenti in provincia alle quali è stato concesso un ricongiungimento non coincidono con i dati del 2017, se le persone elencate nella tabella sono quelle che hanno il diritto di soggiorno in Alto Adige e alle quali è stato concesso il ricongiungimento, per quale motivo la Giunta non ha potuto ottenere informazioni sul numero di persone che sono arrivate in Alto Adige attraverso il ricongiungimento e perché la Giunta non ha saputo ottenere le informazioni sul numero di domande presentate, accolte e respinte e sul numero di richiedenti asili dal Ministero dell’Interno? Il pres. Arno Kompatscher ha risposto che la tabella riporta effettivamente il numero globale di tutte le persone cui è stato concesso il ricongiungimento, e non quello annuale, che i dati 2017 sono stati forniti dall’ASTAT e non è possibile un confronto diretto con dati da fonti differenti. Nel 2017 la Questura di Bolzano ha concesso il ricongiungimento a circa 1.700 persone. Non ci sono dati sulle domande respinte, ma solo sui ricongiungimenti concessi. Leiter Reber ha auspicato la raccolta di molti più dati, per prepararsi per le sfide future.


Il 12 aprile il Consiglio ha approvato la legge provinciale “Variazioni del bilancio di previsione della Provincia autonoma di Bolzano per gli esercizi 2019, 2020 e 2021 e altre disposizioni” che prevede anche l’istituzione di un tavolo tecnico per analizzare le situzione dell’Agenzia delle Entrate e di elaborare le necessarie misure di miglioramento; l’obiettivo è quello di avviare il passaggio alla Provincia, come previsto anche nel documento programmatico della Giunta. Lo ha segnalato Maria Elisabeth Rieder (Team Köllensperger) chiedendo se tale tavolo tecnico è già stato avviato, chi vi partecipa, quanti sono stati gli incontri finora e di cosa si è discusso, e in caso negativo, perché non è stato istituito. Il pres. Arno Kompatscher, specificando che questa disposizione era in un ordine del giorno e non nella legge, ha spiegato che il tavolo non è ancora stato istituito, ma ci sono stati diversi incontri formali preparatori per capire quali sono gli obiettivi da raggiungere e gli obiettivi del partner. Nelle prossime settimane arriveranno le proposte di chi vi parteciperá ufficialmente. La norma d’attuazione ha già avuto parere positivo dalla Commissione dei 12.

(continua)

(MC)