Contenuto principale

Consigliera di parità

Consigliera di parità | 01.04.2022 | 14:40

L’Osservatorio sui diritti delle persone con disabilità incontra l'ass. Deeg: focus sull‘assistenza psicosociale in Alto Adige

L’Osservatorio ha presentato l’elenco delle richieste in tema di assistenza psicosociale emerse nell’ambito del convegno del settembre scorso e di un sondaggio online. La pres. Morandini: “Obiettivo di fondo è sempre una vita inclusiva e autodeterminata per le persone con disabilità”. L’ass. Deeg: “Migliorare l’attività di rete è importante anche nell’ambito dell’assistenza psicosociale”.

L'ass. Deeg (al centro) e la pres. Morandini (a dx) alla seduta dell'Osservatorio. (Foto: Consiglio/Werth)ZoomansichtL'ass. Deeg (al centro) e la pres. Morandini (a dx) alla seduta dell'Osservatorio. (Foto: Consiglio/Werth)

Riuniti in seduta interna presso il Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano, i componenti e le componenti dell’Osservatorio provinciale sui diritti delle persone con disabilità si sono confrontati quest’oggi con l'assessora provinciale competente per la Famiglia, Anziani, Sociale e Edilizia abitativa, Waltraud Deeg.

Occasione dell'incontro è stata la presentazione delle richieste dell’Osservatorio sul tema "Assistenza psicosociale in Alto Adige - Corrisponde alle indicazioni della Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità?“, raccolte in una relazione e presentate all'assessora per l'attuazione. Per “assistenza psicosociale” si intende qualsiasi misura e forma di assistenza che contribuisce al benessere psicologico, emotivo e sociale di una persona e che si basa sulla relazione tra la persona interessata e chi la assiste.

Durante la seduta pubblica dell’Osservatorio tenutasi lo scorso 24 settembre, le persone con disabilità, i caregiver e le/gli operatrici/operatori professionali hanno avuto l'opportunità di esprimere le loro preoccupazioni ed esigenze riguardo all'implementazione di un’assistenza psicosociale che tenga conto di tutti i bisogni. Preoccupazioni ed esigenze sono state integrate dai risultati di un sondaggio online sulla base di questionari rivolti a coloro che non avevano potuto partecipare alla seduta. Le due valutazioni sui bisogni hanno rilevato le seguenti richieste: collaborazione più intensa  tra la persona interessata e chi la assiste, investimento in personale specializzato per garantire la qualità dei servizi, previsione di un “budget di salute” in Alto Adige per garantire un’assistenza psicosociale ottimale, estensione dell’offerta di assistenza personale, esigenza fondamentale di una vita autonoma per le persone con disabilità, il che rende necessarie maggiori opzioni abitative e la creazione di condizioni per un compenso e una copertura pensionistica sufficienti a garantire il sostentamento.

"Dalle richieste emerge chiaramente che le persone interessate vorrebbero vedere una maggiore cooperazione tra gli assistenti, spesso familiari, e le/gli operatrici/operatori professionali: l'obiettivo è sempre una vita inclusiva e autodeterminata per le persone con disabilità, come stabilito dalla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità”, riferisce Michela Morandini, presidente dell’Osservatorio provinciale sui diritti delle persone con disabilità: "L'attuazione delle richieste richiede anche una riorganizzazione dei servizi, con una maggiore collaborazione e inclusione delle persone con disabilità direttamente interessate”, conclude Morandini.

L’ass. Waltraud Deeg ha ringraziato per la presentazione delle richieste, concordando sull’importanza di creare le condizioni di base affinché le persone con disabilità possano agire in modo autodeterminato in tutti gli ambiti della vita quotidiana. ”Migliorare l’attività di rete è importante anche nell’ambito dell’assistenza psicosociale: il benessere psicosociale è infatti essenziale per poter viver in modo autodeterminato anche in altri ambiti della vita quotidiana”, ha sottolineato l'assessora.

La relazione con le richieste è stata pubblicata sul sito web dell’Osservatorio provinciale ed è anche disponibile in lingua facile alla pagina web www.consiglieradiparita-bz.org/pubblicazioni-.asp.


(OSS)