Contenuto principale

Consigliera di parità

Consigliera di parità | 06.03.2020 | 10:05

Morandini: “Dare visibilità all’opera delle donne”, #rolemodelsatwork

Nella settimana dall’8 marzo, sulla pagina facebook della Consigliera di parità saranno presentate donne altoatesine, o attive in Alto Adige, che sono un modello per la loro attività professionale: “Le figure d’esempio sono importanti perché valgono come motivatrici, fautrici, consigliere”, così Morandini.

Da più di 100 anni, l‘8 marzo si celebra la Giornata internazionale della Donna, che trae origine dal movimento delle lavoratrici a cavallo tra il XIX e il XX secolo. In tutto il mondo, si promuove la sensibilizzazione tramite iniziative di promozione delle pari opportunità, di salari più alti, di migliori condizioni di lavoro e di lotta alla discriminazione delle donne.

Che l’attenzione più marcata di questa giornata speciale nei confronti del tema delle pari opportunità e dei diritti delle donne sia necessaria, lo dimostrano i dati attuali: dal 2006, il Forum economico mondiale monitora lo sviluppo globale delle pari opportunità tra uomini e donne, e la strada da percorrere pare essere ancora lunga.  Ci vorranno quasi 100 anni (99,5, per l’esattezza) per raggiungere la parità tra i due sessi, mentre ben 257 saranno necessari se si considera separatamente la pari partecipazione alle opportunità economiche. In quanto all’Italia, nella classifica relativa alla parità di genere è retrocessa quest’anno al 76mo posto su 153 nazioni.  

Per questo motivo, l‘8 marzo dovrebbe servire a destare l’attenzione su elementi essenziali delle pari opportunità. La Consigliera di parità si concentra in particolare, quest’anno, su un aspetto che influisce parecchio sulla parità tra i sessi, un aspetto sul quale cerca di sensibilizzare anche nei suoi interventi nelle classi scolastiche e all’università: a scolare e studentesse mancano in gran parte esempi femminili, a maggior ragione se ci si riferisce a figure che vengono dall’Alto Adige o che sono attive in questa provincia.

Ecco perché Michela Morandini dedica la settimana a partire dall’8 marzo a modelli femminili dell’Alto Adige nel mondo del lavoro. Con l‘hashtag #rolemodelsatwork saranno rappresentate ogni giorno donne della provincia di Bolzano, o in essa attive, che sono un esempio tramite la loro opera in diversi settori. “La scelta, alla fine, è stata fatta in nodo casuale”, spiega la Consigliera di parità, “perché l’Alto Adige ha molte donne che sono un esempio per le giovani con la loro attività lavorativa. Le figure d’esempio sono importanti perché valgono come motivatrici, fautrici, consigliere”. Morandini dà il via, ma chiunque lo desidera potrà postare sulla pagina facebook della Consigliera di parità una donna che risulta essere un modello grazie alla sua opera professionale. L’indirizzo web da utilizzare è www.facebook.com/Gleichstellungsrätin-Südtirol-Consigliera-di-parità-Alto-Adige-.

(MC)