Contenuto principale

Gruppi consiliari

Entro cinque giorni dalla prima seduta dopo le elezioni, i consiglieri e le consigliere devono comunicare per iscritto al/alla presidente del Consiglio provinciale a quale gruppo consiliare appartengono o a quale intendono aggregarsi. I consiglieri e le consigliere che entro tale termine non abbiano dichiarato la propria appartenenza o aggregazione a un gruppo consiliare, faranno parte di un unico gruppo misto. Anche un solo consigliere/una sola consigliera può costituire un gruppo consiliare.

Di regola i consiglieri e le consigliere appartenenti allo stesso partito o comunque accomunati da idee e obiettivi politici affini formano un gruppo consiliare. I gruppi consiliari discutono in via preliminare i punti all'ordine del giorno del Consiglio provinciale. Nei gruppi più numerosi coesistono - come d'altronde in Consiglio - idee e opinioni differenti; i rappresentanti delle diverse correnti politiche si danno da fare per difendere gli interessi del proprio elettorato, ovviamente nel rispetto delle regole democratiche. In un contesto di sana competizione si scontrano punti di vista diversi, emergono conflitti d'interesse, si cercano compromessi e, mediante votazione, si prendono decisioni alle quali anche chi ha espresso voto contrario si deve adeguare. Di norma gli "sconfitti" appoggiano sia in Consiglio che pubblicamente le decisioni prese dalla maggioranza. La solidarietà e il sostegno reciproco aumentano infatti il peso politico del gruppo consiliare: accettare le decisioni della maggioranza è più produttivo che non arroccarsi sulle proprie posizioni. La disponibilità ad accettare l'opinione altrui, la capacità di mediare fra i vari interessi e, infine, un atteggiamento tollerante sono elementi essenziali della cultura democratica ed espressione dei suoi valori.

Attualmente in Consiglio provinciale sono rappresentati i seguenti gruppi consiliari

Note

(a) Nuova denominazione, con effetto dal 28.3.2014, del gruppo consiliare "BürgerUnion - Ladins Dolomites - Wir Südtiroler", costituito all'inizio della legislatura dal cons. Pöder