Contenuto principale

Pareri

In base all'articolo 103, comma 3, dello Statuto di autonomia i progetti di modificazione dello stesso Statuto, di iniziativa governativa o parlamentare, devono essere comunicati dal Governo al Consiglio provinciale che deve esprimere il suo parere in merito entro 2 mesi.
Il regolamento interno del Consiglio prevede che il progetto di modifica dello Statuto trasmesso dal Governo venga assegnato dal/dalla presidente del Consiglio per l'esame a una commissione speciale composta da tutti i capigruppo/tutte le capogruppo o loro delegati/e e istituita all'inizio della legislatura.
Questa commissione deve riferire al Consiglio entro i successivi venti giorni proponendo al Consiglio la deliberazione da assumere (parere favorevole, parere contrario, parere favorevole con osservazioni, parere favorevole condizionatamente a modifiche, specificatamente formulate, da apportare al testo del progetto).
Un altro parere, anche se atipico, il Consiglio provinciale è chiamato a esprimere in ordine ai due magistrati del T.A.R. - sezione di Bolzano, appartenenti al gruppo linguistico tedesco, la cui nomina spetta allo Stato nonché in ordine alla nomina, sempre da parte dello Stato, dei due Consiglieri di Stato appartenenti al gruppo linguistico tedesco. Il D.P.R. 6 aprile 1984, n. 426, e successive modifiche e integrazioni, prevede infatti che la nomina dei citati magistrati avvenga previo consenso del Consiglio della Provincia autonoma di Bolzano. Anche se l'atto formale che il Consiglio provinciale è chiamato ad adottare è un deliberazione di assenso, indirettamente trattasi di un parere che il Consiglio esprime su una proposta nominativa avanzata formalmente dallo Stato.