Contenuto principale

Nomine e designazioni

Sia la nomina sia la designazione va intesa come estrinsecazione del potere formale della pubblica amministrazione di individuare un determinato soggetto quale titolare di una determinata carica. Nomina e designazione si differenziano però tra di loro per il fatto che mentre nella prima fattispecie l'investitura formale avviene con l'atto di scelta operato dall'amministrazione (nel caso specifico dal Consiglio), nella seconda, cioè nella designazione, all'amministrazione (nel caso al Consiglio) spetta sì l'individuazione di una persona quale titolare di un certo ufficio o una certa carica, l'investitura ufficiale mediante l'atto di nomina viene però posta in essere da un altro soggetto, pubblico o privato.
La competenza del Consiglio a procedere alla nomina rispettivamente designazione di persone quali titolari di certe cariche discende da precise disposizioni contenute in parte nello Statuto di autonomia e nelle relative norme di attuazione (generalmente per le nomine e le designazioni di particolare rilevanza istituzionale, considerato che il Consiglio è il massimo organo rappresentativo della Provincia), in parte in leggi provinciali o statali.
Tra le nomine e le designazioni di competenza del Consiglio provinciale si segnalano in particolare:

  • la nomina di 2 membri della commissione paritetica dei 6 e dei 12 di cui all'articolo 107 dello Statuto di autonomia;
  • la designazione di 7 membri della commissione permanente per i problemi della provincia di Bolzano (istituita presso la presidenza del Consiglio dei Ministri) di cui alla misura 137 del Pacchetto;
  • la nomina di 3 membri del comitato d'intesa tra Stato e Provincia di cui all'articolo 13 del D.P.R. n. 752/1976;
  • la nomina del difensore civico/della difensora civica ai sensi della legge provinciale 10 luglio 1996, n. 14;
  • la nomina di metà (4) dei magistrati del Tribunale amministrativo regionale - sezione di Bolzano, ai sensi del D.P.R. 426/1984, e successive modifiche e integrazioni;
  • la nomina di 4 dei membri del Comitato provinciale per le comunicazioni (Corecom) ai sensi della legge provinciale 18 marzo 2002, n. 6;
  • la designazione di 3 membri effettivi e 3 membri supplenti rispettivamente nella commissione elettorale circondariale di Bolzano e nelle relative sottocommissioni di Bolzano, Bressanone, Brunico, Merano e Silandro;
  • la designazione di uno/una o più rappresentanti del Consiglio in consigli direttivi, consigli di amministrazione, collegi dei revisori, consulte, commissioni o comitati istituiti presso l'amministrazione provinciale (in certi casi l'indicazione di un/una o più rappresentanti spetta alla minoranza politica).

Tutte le nomine o designazioni avvengono per scrutinio segreto.