Contenuto principale

Consiglio

Consiglio | 05.06.2019 | 15:28

Lavori Consiglio: Specie a rischio, biglietti elettronici sui mezzi pubblici

Proposte di gruppo Verde, Team Köllensperger e Movimento 5 stelle.

Con la mozione n. 16/18: Facciamo qualcosa per le specie animali e vegetali a rischio estinzione, presentata oggi in Consiglio, Brigitte Foppa (Gruppo Verde) spiegava chelk, nonostante l'Alto Adige sia una terra da sempre impegnata nella tutela della natura e della biodiversità, molte specie animali e vegetali sono a rischio estinzione: la principale minaccia è rappresentata dalla distruzione degli habitat dovuta ai cambiamenti nell'uso del suolo, in particolare a causa di un'agricoltura sempre più intensiva o dell'abbandono dell'attività di coltivazione. Stando alla "Lista Rossa delle specie minacciate in Alto Adige", 3.064 specie, il 41% di tutte quelle prese in esame, sono a rischio estinzione: questa pubblicazione risale però al 1994, e da allora la lista non è mai stata aggiornata; anche l’elenco delle piante a rischio estinzione stilato nel 2006 dal Museo di scienze naturali dell'Alto Adige è ormai datato, tanto che lo stesso Museo si è nuovamente occupato delle specie animali minacciate, creando nel 2014 un portale internet che mostra la distribuzione di oltre 4.000 specie animali e vegetali in provincia di Bolzano. È quindi necessario effettuare una continua sensibilizzazione della popolazione nei confronti delle specie minacciate di estinzione, come avveniva in passato con i manifesti appesi nei più svariati luoghi pubblici e privati, dai rifugi alpini alle stazioni ferroviarie, dagli ambulatori medici agli atri degli uffici pubblici, dagli istituti di formazione alle scuole, in cui si evidenziava l'importanza della conservazione  delle specie: pertanto si chiedeva di incaricare la Giunta (1) di aggiornare la lista delle specie animali minacciate di estinzione, per quanto possibile suddivisa in categorie; (2) di riproporre, con l'ausilio di manifesti, volantini o altro, le campagne informative incentrate sulle specie animali e vegetali sotto tutela e minacciate di estinzione che si trovano in Alto Adige,  aggiornandone il contenuto, la presentazione e gli aspetti legati alla comunicazione; (3) di integrare il sito web del Museo di scienze naturali dell'Alto Adige (www.florafauna.it), di migliorarne l'accessibilità in rete, di introdurre un'interfaccia interattiva e di creare un'applicazione per il cellulare; (4) di valutare, insieme agli esperti e alle esperte, lo sviluppo di un'apposita applicazione che consenta di caricare su una cartina accessibile a chiunque i dati, con luogo e foto, delle osservazioni sul campo di specie animali a rischio di estinzione; (5) di mettere a disposizione e di assicurare in modo stabile il personale necessario per svolgere tutte queste attività, al fine di garantire la continuità dell'attività di ricerca e del lavoro in rete.
Andreas Leiter Reber (Die Freiheitlichen) ha condiviso l’intendo della mozione, ricordando che in passato le iniziative rivolte ai bambini erano molto positive, e che i cartelloni non sono antiquate, mentre lo è il portale, che ha uno stile “anni 2000”.
Anche Peter Faistnauer (Team Köllensperger) ha condiviso l’intento della mozione, dicendosi favorevole ai punti 1, 2 e 5, ma ritenendo antiquato il portale, e ritenendo problematico il punto 4, che richiede una verifica da parte degli esperti. 
Myriam Atz Tammerle (Süd-Tiroler Freiheit) ha sottolineato il valore delle visite in loco, cioè delle passeggiate nei biotopi e dei boschi, al fine della conoscenza di piante e animali, invitando a riflettere su come proteggere l’habitat animale dagli interventi urbani.
Hanspeter Staffler (Gruppo Verde) ha evidenziato come per anni il discorso ambientale e sulla biodiversitá fosse passato in secondo piano, tanto che solo i verdi se ne facevano portavoce. ora l’argomento è di nuovo in auge, come dimostra il nuovo Rapporto sulla biodiversitá, ed è necessario agire a tutti i livelli, da quello comunale a quello globale. L’amministrazione provinciale e i Comuni devono promuovere interventi per la biodiversità, a partire dai propri terreni.
Secondo Jasmin Ladurner (SVP) proprio la Relazione sulla biodiversità ha dimostrato quanto è importante mantenerla e garantire le specie animali e vegetali. per questo, si è favorevoli alla mozione, e la app è uno strumento che si potrebbe rivelare utile per raggiungere i giovani. 
L’ass. Maria Hochgruber Kuenzer ha accolto la mozione, sottolineando tuttavia che il lavoro di sensibilizzazione è sempre legato al rischio di disturbare gli habitat: se c’è sensibilizzazione, infatti, certi luoghi vengono maggiormente frequentati. L’aggiornamento annuale della lista delle specie in via d’estinzione è opportuno, e il portale è in via di aggiornamento, tanto che a breve saranno disponibili anche la versione per smartphone la app. La mozione è stata  votata per parti separate e approvata: le premesse con 27 sí e 2 astensioni, i punti (1), (2) e (3) all’unanimità, il punto (4) con 22 sì e 6 no, il punto (5) con 26 sì e 2 astensioni.


Di seguito, Paul Köllensperger (Team Köllensperger) ha proposto mozione n. 20/19 (EMENDATA): Il pagamento elettronico dei biglietti sui treni Sad, con la quale segnalava come, al contrario di quanto accade sui mezzi Trenitalia e ÖBB, questa possibilità è preclusa sui treni Sad. Si tratta però di un’opportunitá utile, alla quale molti turisti sono abituati. Inoltre, è importante facilitare l’obliterazione dell’Alto Adige Pass, ora possibile in molte stazioni solo nelle sale d’attesa, distanti dai binari: questo è un problema nel caso si provenga da fuori provincia e si debba obliterare “in corsa”: per questo, egli chiedeva di impegnare la Giunta provinciale (1) ad intervenire presso il concessionario Sad al fine di prevedere l'implementazione del pagamento elettronico (carta di credito e bancomat) dei biglietti di viaggio sui treni; (2) a prevedere il pagamento elettronico (carta di credito e bancomat) dei biglietti di viaggio sui treni come standard di servizio previsto nelle concessioni siglate con i concessionari, (3) a prevedere la possibilitá di obliterare l’Alto Adige Pass su ogni binario della stazione, (4) a creare le necessarie intese con trenitalia per l’installazione nelle stazioni della tratta verona-Trento obliteratori per l’Alto Adige Pass, (%) a valutare con gli uffici provinciali competenti la possibilitá di validare il viaggio con l’Alto Adige Pass attraverso il portale mobilitaaltoadige.info o un’app dedicata.La mozione è stata discussa congiuntamente la mozione n. 31/19: Pagamento elettronico sui mezzi pubblici ed AltoAdige Pass dematerializzato, con cui Diego Nicolini (Movimento 5 stelle), evidenziando come l’elevato turismo che interessa la provincia ha necesitá di trovare strumenti di pagamento sempre più agevoli e tecnologici, e che i più moderni sistemi di trasporto pubblico consentono di procedere ai pagamenti e la contestuale obliterazione attraverso la tecnologia EMV, che consente l’acquisto anche tramite smartphone,  chiedeva di impegnare la Giunta (1)  ad implementare attraverso l'interazione con STA un sistema di pagamento che consenta agli attuali supporti presenti nei mezzi pubblici per l'obliterazione di poter accedere ai sistemi di pagamento EMV; (2) ad implementare l'attuale APP "AltoAdige2Go" e "MYpass" affinché possa essere sviluppata un'interfaccia con i sistemi di Alto Adige Pass e permettere la dematerializzazione dello stesso e l'obliterazione attraverso gli apparecchi con tecnologia NFC. “Questo”, ha aggiunto il consigliere, “sarebbe un vantaggio anche in un’ottica di Euregio”.
Ringraziando i proponenti, l’ass. Daniel Alfreider ha sostenuto che il suo assessorato si è riproposto di introdurre la digitalizzazione nel settore: le informazioni aggiornate e la facilitazione dei pagamenti sono importanti per rendere il trasporto pubblico più attraente, e si lavora proprio per raggiungere questo obiettivo. è vero che sui treni SAD non è ancora possibile pagare con carta di credito, ma i responsabili SAD riferiscono che entro breve questo sistema sarà introdotto, “non c’è quindi bisogni di una nuova mozione”. Inq uanto alla proposta del TK, ci vuole un sistema compatibile con tutte le societá di trasporto, dalla DB alla ÖBB ai players regionali: questo è in corso da qualche mese, e la STA sta proprio lavorando alla digitalizzazione su incarico della Provincia. La nuova piattaforma digitale riguarderá sia la biglietteria che le informazioni sui servizi, con interfacce ad hoc su servizi aggiuntivi: dato che si sta già lavorando al sistema, le mozioni non sono necessarie. Esse sono quindi state respinte: la mozione 20/19 (TK) con 13 sì, 14 no e 2 astensioni, la mozione 31/19  (5 Stelle) con 13 sì, 16 no e 2 astensioni.

(MC)