Contenuto principale

Consiglio

Consiglio | 05.06.2019 | 11:44

Lavori Consiglio: Morandell confermata Difensora civica

La Difensora civica uscente è stata confermata con voto unanime.

All’ordine del giorno del Consiglio provinciale c’era stamattina l’elezione del/la nuovo/a Difensore/a civico/a. Il presidente Josef Noggler ha spiegato che i candidati erano l’attuale Difensora Gabriele Morandell nonché Maximilian Polin, Ruth Margit Volgger, Lucia Attinà e  Michele De Luca, e che per l’elezione era necessaria una maggioranza dei ⅔ dei consiglieri.

Intervenendo per primo nel dibattito, Gerhard Lanz (SVP) ha evidenziato la fortuna di poter scegliere tra una rosa di candidati competenti, aggiungendo che il suo gruppo avrebbe sostenuto la difensora uscente Gabriele Morandell, del cui lavoro si era soddisfatti.

Brigitte Foppa (Gruppo Verde) ha ricordato che 5 anni fa c’era stato bisogno di più votazioni per eleggere il candidato giusto. La scelta fatta si era rivelata giusta, dato il lavoro svolto da Morandell, molto apprezzato: la Difensora uscente si era sempre impegnata per i cittadini, senza farsi intimorire e senza perdere la positività. Questo senza nulla togliere agli altri candidati, molto preparati.

Ulli Mair (Die Freiheitlichen) ha condiviso la posizione di Lanz e Foppa, ribadendo che il cittadino era sempre stato al centro del lavoro di Morandell. Positivo era che fossero state introdotte le audizioni dei candidati, mentre prima la maggioranza decideva a porte chiuse.

Anche il Team Köllensperger, ha detto Alex Ploner, si allineava agli interventi precedenti. egli in particolare aveva apprezzato Morandell quando operava a Bressanone, la si riteneva una persona competente e non si vedeva motivo di cambiare.

Sven Knoll (Süd-Tiroler Freiheit) non ha voluto rivelare la scelta del suo gruppo, esprimendosi per una libera elezione.

Questa posizione è stata condivisa da Alessandro Urzì (L’alto Adige nel cuore - Fratelli d’Italia), che ha fatto riferimento a sensibilità e consapevolezze maturate singolarmente da ogni consigliere. Il dibattito non faceva un favore alla candidata più volte citata, ed era poco rispettoso degli altri candidati.

In seguito a votazione, Gabriele Morandell è stata confermata all’unanimità: 33 i voti a suo favore su 33 votanti.

Prima dell’elezione del/la Garante per l’infanzia, su richiesta di Gerhard Lanz (SVP) la seduta è stata interrotta per un quarto d’ora per un confronto.

(MC)