Contenuto principale

Consiglio

Consiglio | 22.11.2018 | 13:59

Posto occupato anche in Consiglio provinciale

In occasione del 25 novembre, Giornata internazionale contro la violenza sulle donne, anche davanti al Consiglio sarà posta una sedia con un drappo e oggetti femminili di colore rosso, per ricordare le donne uccise dai compagni e sensibilizzare sul tema della sopraffazione di genere.

Anche in Consiglio provinciale un posto occupato per le donne vittime della violenza di genere. (Foto: Consiglio/Werth)ZoomansichtAnche in Consiglio provinciale un posto occupato per le donne vittime della violenza di genere. (Foto: Consiglio/Werth)

Una sedia coperta da un drappo rosso, con una piccola borsa, dei guanti, delle scarpe femminili, anche questi di colore rosso. Con questa semplice installazione davanti all’ingresso principale, in prossimità della Giornata internazionale contro la violenza sulle donne del 25 novembre, anche il Consiglio provinciale aderirà da domani alla campagna “Posto Occupato”, con la quale si vogliono ricordare tutte le donne vittime della violenza di genere, messa in atto da mariti, compagni, conoscenti o sconosciuti. Donne che quando erano in vita occupavano un posto al lavoro, in teatro, a scuola, in autobus, nella società, ma che da quel posto sono state sottratte perché un uomo ha deciso così.

Su iniziativa dell’Ufficio di Presidenza, riunitosi oggi per la prima volta e costituito dal presidente Thomas Widmann, dai vicepresidenti Massimo Bessone e Daniel Alfreider e dai segretari questori Maria Hochgruber Kuenzer, Helmuth Renzler e Maria Elisabeth Rieder, quel posto resta  occupato anche in Consiglio provinciale, a memoria di queste donne – ben 94, quest’anno, quelle vigliaccamente uccise in Italia, di cui 4 in Alto Adige – e a sensibilizzazione della cittadinanza sul tema della violenza di genere.


(MC)