Contenuto principale

Consiglio

Consiglio | 10.05.2018 | 10:47

Lavori Consiglio: diesel, vaccinazioni per immigrati

Proposte di BürgerUnion-Südtirol-Ladinien e L’Alto Adige nel cuore.

La seduta di oggi del Consiglio provinciale, dopo una breve interruzione proposta da Oswald Schiefer (SVP), per un confronto tra capigruppo e presidente, è iniziata con la ripresa dell’esame, già avviato ieri,  della mozione n. 900/18: No al divieto di circolazione per i veicoli diesel, emendata dal presentatore Andreas Pöder (BürgerUnion-Südtirol-Ladinien) nella parte dispositiva, al fine di chiedere al Consiglio provinciale di dichiararsi “contrario all’introduzione in provincia di Bolzano di ulteriori divieti generali di circolazione per i veicoli diesel”.
L’ass. Richard Theiner ha ringraziato per la discussione oggettiva di ieri, e aggiunto che i valori di inquinamento dell’area misurati - con attrezzature e modalitá identiche a quelle dle Tirolo e del Trentino - sono in continuo aumento. Nel 2011 la GIunta predispose un pacchetto di misure molto ampio, con punti come la riduzione della velocità in alcuni tratti, oggi discussi sui media, e altre misure. Quelle che non riguardano l’autostrada (per es. realizzazione inceneritore, circonvallazione Bressanone, barriere antirumore) sono realizzate al 100%, “ma per quanto riguarda l’autostrada non siamo riusciti a procedere di un cm, perché il Ministero dei Trasporti ha sempre dato prioritá assoluta al libero scambio piuttosto che alla salute”. Il progresso tecnico dei veicoli non ha portato miglioramenti, anche per via della truffa dei produttori germanici, senza conseguenze grazie agli interventi della Germania presso la UE per evitare misure più rigide: “Chi ha creato questo grave problema non ne risponde”. La GIunta non intende vietare i diesel, ma dare libertá ai Comuni. Ora si sta predisponendo un ulteriore pacchetto di misure: a breve i Comuni di Merano, Bolzano e Laives illustreranno le loro proposte, sulle quali la Giunta si pronuncerà entro giugno: è opportuno attendere queste iniziative.

L’ass. Florian Mussner ha segnalato l’avanzamento tecnico del parco bus provinciale: entro l’anno non ci sará più nemmeno un autobus euro 2, mentre la maggior parte dei 628 veicoli sono Euro 5 o Euro 6. I nuovi diesel acquistati sono euro 6. Pöder ha ribadito che si limita a chiedere che non ci siano divieti generali per i diesel, senza escludere momentanei divieti locali, che sarebbero quasi un esproprio per i proprietari delle vetture. Ha aggiunto che da un articolo apparso oggi sui media risulta che la discussione su questo tema è molto ideologica, che il limite dei 100 km/h non dà vantaggi ed è puramente ideologico, e fatto riferimento al ben più problematico inquinamento da polveri sottili. Anche il passaggio alle auto elettriche non è una soluzione, per l’energia che richiede la loro produzione. Un tempo l’acquisto dei diesel era fortemente sollecitato, e tali auto sono molto usate da famiglie e imprese: bisogna evitare i divieti. La mozione è quindi stata respinta con 11 sì e 19 no.

È stata quindi posta in votazione la mozione n. 833/17: Vaccinazioni obbligatorie agli immigrati per accedere ai servizi di accoglienza, di Alessandro Urzì (L’Alto Adige nel cuore), discussa nel novembre scorso: essa è stata respinta con 4 sì, 21 no e 3 astensioni.

 

(MC)