Contenuto principale

Consiglio

Consiglio | 07.12.2017 | 12:16

Lavori Consiglio: Relazioni alla manovra finanziaria 2018

Presentate la relazione della commissione legislativa e quella di minoranza di Hans Heiss.

La seduta di questa mattina del Consiglio provinciale di Bolzano è proseguita, dopo la presentazione della relazione programmatica dalla manovra di bilancio contenuta nei disegni di legge 146/17, Disposizioni collegate alla legge di stabilità 2018, 147/17, Legge di stabilità provinciale per l'anno 2018, e 148/17, Bilancio di previsione della Provincia autonoma di Bolzano per gli esercizi 2018, 2019 e 2020 da parte del pres. Arno Kompatscher, con la presentazione delle varie relazioni collegate alla manovra.

Il presidente della 3a commissione legislativa Christian Tschurtschenthaler ha riferito dei lavori in commissione, dove il dlp 1467/17 aveva ricevuto 5 voti favorevoli, 1 contrario e 2 astensioni, e i dlp 147/17 e 148/17 rispettivamente 5 voti favorevoli e 3 contrari.

Hans Heiss (Gruppo Verde) ha quindi illustrato la sua relazione di minoranza (allegata), con la quale evidenziava che il bilancio, trattato in tempi record in commissione, non aveva sollevato critiche da parte delle associazioni economiche mentre aveva ricevuto apprezzamenti dalle parti sociali, suscitando invece l’insoddisfazione della piattaforma sindacale che attende risposte sul personale delle scuole dell’infanzia, sui collaboratori all’integrazione e sul rinnovo del contratto di comparto provinciale. Rilevava poi che sul fronte delle entrate il peso dell’IRPEF cresce costantemente, fino ad arrivare a 1.865 milioni, a fronte dei 1.795 del 2017 e dei 1.534 del 2009. Di contro, diminuiscono IRES e IRAP, il che denota una politica fiscale orientata allo sgravio delle imprese, che si è rivelato utile in una fase di debole congiuntura, e a un maggiore carico su salariati e stipendiati: un modesto adeguamento dell’IRAP sarebbe ora una richiesta legittima, nell’ottica della politica di redistribuzione alla quale è orientato l’utilizzo dello strumento di bilancio attraverso le prerogative dell’Autonomia. Bisogna perseguire l’equità a tutti i livelli: in politica, nell’amministrazione ma anche nella redistribuzione delle risorse e nell’equilibrio sociale.

Heiss ha quindi segnalato preoccupazione per le entrate future, stanti le riduzioni di quelle derivanti da crediti statali e l’aumento di spese correnti che continua a comprimere il margine per gli investimenti. Le spese per la sanità ammontano a 1.266 milioni, circa un quarto del bilancio, ma la percentuale della spesa sanitaria sul PIL, pari al 7%, è nella media italiana e regge il confronto con la Germania. Il fabbisogno di risorse nel settore sociale rimane alto, ed è fondamentale per evitare che si creino gruppi emarginati e discriminati. È inoltre di estrema importanza porre ora le basi finanziarie per il futuro, al fine di garantire il finanziamento di settori centrali quali la formazione, la sanità, il sociale e l’edilizia residenziale: a questo scopo, va migliorata la riorganizzazione del bilancio, considerando non solo la migliore gestione e razionalizzazione delle spese, la valorizzazione del patrimonio e dei portafogli immobiliari mal utilizzati, ma anche l’aumento delle entrate derivanti dalla lotta all’elusione e all’evasione fiscale.

Heiss ha quindi fatto riferimento a singoli articoli del dlp 146/17, disposizioni collegate alla legge di stabilità 2018, d finito “il calderone di fine anno”. Esso contiene alcune misure positive accanto ad altre criticabili, come l’adeguamento delle norme sugli appalti pubblici e gli interventi in termini di liberalizzazione del commercio nelle zone per insediamenti produttivi. Anche sulle disposizioni che facilitano l’adeguamento di edifici destinati all’accoglienza di persone che beneficiano di protezione internazionale bisognerà vigilare, affinché non siano utilizzate per trarre vantaggi personali da parte di privati proprietari, così come va seguito l’evolversi della situazione relativa alle partecipazioni societarie della Provincia, che necessita di maggiore trasparenza e controllo.

La seduta del Consiglio provinciale è ora terminata. L’esame della manovra finanziaria e di bilancio 2018 proseguirà a partire da martedì prossimo, 12 dicembre. 


(MC)