Contenuto principale

Consiglio

Consiglio | 13.11.2017 | 15:37

3a commissione: Sì alla manovra finanziaria 2018

La commissione presieduta da Christian Tschurtschenthaler ha dato parere positivo a legge di stabilità, disposizioni collegate e bilancio di previsione 2018

Presieduta da Christian Tschurtschenthaler, la 3a commissione legislativa ha esaminato oggi i disegni di legge di iniziativa giuntale che compongono la manovra finanziaria 2018, dando loro parere positivo.

Il dlp 146/17, Disposizioni collegate alla legge di stabilità 2018 (presidente della Provincia. Arno Kompatscher), ha ricevuto 5 voti favorevoli (pres. Tschurtschenthaler e conss. Albert Wurzer, Maria Hochgruber Kuenzer, Dieter Steger e Oswald Schiefer), 1 contrario (cons. Roland Tinkhauser) e 2 astensioni (conss. Hans Heiss e Paul Köllensperger).

I dlp 147/17, Legge di stabilità provinciale per l'anno 2018, e il dlp 148/17, Bilancio di previsione della Provincia autonoma di Bolzano per gli esercizi 2018, 2019 e 2020 (entrambi presentati dal pres. Arno Kompatscher), hanno ricevuto entrambi 5 voti favorevoli (Tschurtschenthaler, Wurzer, Hochgruber Kuenzer, Steger e Schiefer) e 3 contrari (Tinkhauser, Köllensperger e Heiss).

Hans Heiss ha annunciato la presentazione di una relazione di minoranza per ognuno dei disegni di legge.

I tre documenti sono stati esaminati in una seduta di commissione insolitamente veloce, per una manovra finanziaria: 4 ore e mezza di lavori. “La discussione è stata molto orientata ai contenuti”, riferisce il presidente Tschurtschenthaler, “anche perché il presidente della Provincia ha fornito informazioni esaustive in merito alle proposte”. La somma a bilancio è quasi uguale a quella dello scorso anno, “così come le esenzioni per famiglie e imprese, che risultano in questo modo maggiori di 230 milioni rispetto alla scorsa legislatura”, illustra ancora Tschurtschenthaler, che sottolinea anche come il bilancio non sia modulato espressamente sull’anno elettorale 2018, ma riguardi l’intero triennio 2018-19-20, come evidenziato in commissione dallo stesso presidente Kompatscher.

 

(MC)